Gio'(vanni) Agostino Aronio


e… il giallo genealogico

12 Agosto 1690 da Genova a Lille

 

Genova al centro dei traffici non solo marittimi del Mediterraneo e verso/da il nuovo mondo[1],   grazie ai Tasso[2]  era già in Europa anche via terra.

Sono innumerevoli i collezionisti di storia postale pre-filatelica che hanno almeno una lettera di o da “Aronio” , questa[3] che  parte il 12 Agosto 1690 da  Genova ed è destinata a Gio’ (vanni?) Agostino Aronio,  Lille è interessante perché:

  • è quasi palindroma da Agostino Aronio a (Giò) Agostino Aronio
  • parte da Genova, la città natale degli Aronio, da Agostino al cugino Gio’ Agostino
  • è scritta in lingua italiana
  • segue un percorso lunghissimo, una cavalcata di oltre 1.700 Km per attraversare il nord Italia e mezza Europa
  • sono tante le tappe/stazioni di posta da percorrere che anche le moderne tecnologie devono dividere in almeno due “videate”[4]
  • la partenza pare abbastanza certa, 12 Agosto 1690, non c’è evidenza dell’arrivo

ma la parte più interessante è che i conti non tornano[5] chi è il “Gio’ Agostino Aronio”  destinatario nell’albero genealogico della famiglia?

 

[1] si veda1870-1878 Posta Marittima Sud America – Nord Itali di  Rolf-Dieter Wruck  https://gabrieleguglielmi.org/2022/07/30/1800-vie-di-posta/  

[2] https://www.museodeitasso.com/it

[3] La si può vedere descritta e commentata qui https://www.dropbox.com/s/93qhp8rzdlwzu9t/1690%2008%2012%20DA%20GENOVA%20A%20Giovanni%20Agostino%20Aronio%20LILLE.pdf?dl=0

[4] Con l’aiuto di Google Maps da Genova a Norimberga https://goo.gl/maps/VYaZAWYwBGP2yYDu9 e da Norimberga a Lilla https://goo.gl/maps/CiCr9pciUkwiAV6s7

[5] Dalla biografia rileviamo “Gio Agostino (Jean-Auguste) Aronio, 1608 Genova-fu sepolto nella navata grande della chiesa dei domenicani a Lille nel 1688”.

Di GABRIELE GUGLIELMI

“Sono collezionista di francobolli da oltre 40 anni e non colleziono francobolli. La mia passione sono le lettere intere con le quali posso mostrare la storia” (Rolf –Dieter Wruck), quale migliore definizione della Storia Postale? Collezioniamo Storia postale con quella speciale caratteristica che sono le storie, in questo caso postali, quindi uniche. I francobolli sono stampati in milioni di esemplari, le storie sono uniche quanto le opere d’arte. Non solo perché è quasi impossibile che due buste abbiano gli stessi: timbri, francobolli, date di partenza transito e destinazione … diventano uniche quando raccontano proprio quella storia. Quasi impossibile anche lo scambio, tipico dei collezionisti (ce l’ho, ce l’ho, mi manca) per completare la collezione, ci si viene incontro focalizzandosi su periodi, luoghi, vie-tragitti, persone … caratteristiche cartacee e di inchiostri … diversi … così che ognuno possa approfondire ciò a cui più tiene. Siamo il contrario di chi ha il bunker con opere d’arte da ammirare tenendole solo per sé. Noi condividiamo in rete immagini, dati e informazioni di tutto questo, a volte minuscolo altre volte importante, patrimonio dell’umanità.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.