Timbri e Bolli Blocchi e Nodi

Blocchi e Nodi della blockchain[1] non sono dissimili  dal percorso dei “porti[2]” certificato da timbri e bolli del viaggio percorso da una lettera


Il 13 luglio 2022 la conferenza tenutasi a Catania – Isola di Palazzo Biscari – ha concluso il progetto europeo ” blockchain for decent work”

Degli innumerevoli spunti del progetto in evidenza quello relativo all’utilizzo della blockchain nel “tracciamento della filiera” da parte anche di LVMH, Bulgari, Cartier …  “per certificare che beni di lusso o prodotti d’arte sono autentici e non sono oggetto di contraffazione”


Tracciamento della filiera


[1] “Il termine blockchain indica letteralmente una “catena di blocchi”. Più precisamente, è un database o libro mastro decentralizzato, criptato, condiviso e distribuito tra più nodi di una rete. Tale registro può essere letto da chiunque ma può essere modificato solo con il consenso della maggioranza dei partecipanti.” (Gian Luca Comandini – Blockchain Core)

[2] “Porto” … in storia postale  … derivando dal vocabolo Trasporto, nel correre del tempo ha assunto il significato di “tariffa postale” in funzione al peso della spedizione. (da LESSICO FILATELICO ITALIANO  Vocabolario dei termini e dei modi di dire del linguaggio filatelico italiano https://www.ilpostalista.it/coordriggi0.htm )


Un bell’esempio di buona prassi è CRURATED[1]

https://crurated.com/ 

piattaforma fondata da Alfonso De Gaetano il quale, utilizzando le tecnologie blockchain e NFT[2] intende cambiare il mondo del collezionismo del vino con un diverso concetto di vendita più attento ai produttori e alla loro storia[3].

E’ da questo esempio di successo che ho preso lo spunto per suggerire l’apertura di un confronto (blockchain e NFT) anche nel mondo del collezionismo,  compreso quello della storia postale.

[1] Si suggerisce la lettura degli articoli:

https://vendemmie.com/in-evidenza/crurated-la-tecnologia-nft-e-blockchain-al-servizio-del-mondo-del-vino/?fbclid=IwAR3WZQvTxKLRJ9vo7b6i-Rvdwrg6XMF9eoAYeg2ej43NJIi9p1GjwYxgupo di Francesca Lorenzoni

Crurated, il vino ora si certifica con Nft e blockchain: così si garantisce il possesso e il percorso delle bottiglie (corriere.it) Crurated, il vino ora si certifica con Nft [1]e blockchain: così si garantisce il possesso e il percorso delle bottiglie di  Luciano Ferraro

[2] TOKEN NON FUNGIBILI (NFT) Fornisce agli utenti solide garanzie sulle loro transazioni digitali, in particolare per quanto riguarda ciò che pagano e ciò che ricevono in cambio. “I token non fungibili (NFT) rappresentano probabilmente la prova più convincente ad oggi dell’efficacia delle transazioni nel Metaverso abilitate dalla blockchain. Ed effettivamente è stato proprio un netto aumento delle vendite di NFT alla fine del 2021 che ha contribuito ad alimentare la popolarità del fenomeno del Metaverso” riferisce D’Acunti. https://www.msn.com/it-it/money/storie-principali/transazioni-nel-metaverso-la-spinta-da-blockchain-e-token-non-fungibili-nft/ar-AAYK2Xy?ocid=BingNewsSearch

[3] Se ne parla più diffusamente nell’intervento di Gabriele Guglielmi consultabile all’indirizzo https://www.dropbox.com/s/v9wp3mfjixfw6ru/2022%2007%2013%20Blockchain%20CT%20Palazzo%20Biscari%20Presentazione%20Gabriele%20Guglielmi_def.pdf?dl=0


dispersione 

versus 

tracciamento e memoria

1906-08-12-Russia-via-Kattowitz-PL-22_12-To-Ilmenau-DE-24_12

Negli ultimi mesi il dibattito fra i collezionisti è stato sulla  più grande collezione italiana che sarebbe andata all’asta, anche per singoli lotti. Da pochi giorni, ad asta conclusa, ci si riferisce ad alcuni pezzi rari definendoli  della ex collezione Astolfi[1] e, con la collaborazione della “community” di Storia postale, la domanda alla quale rispondere è:

Blockchain e certificazione NFT potranno aiutare a capire  dove sono ora quei rari documentiQuanto potranno essere utili blockchain e certificazione NFT a mantenerne il tracciamento?

[1] “…La rarità della cartolina, a questo punto ex-Astolfi, é …” di Paolo Zavattoni https://gabrieleguglielmi.org/2022/07/04/da-peking-a-pechino-e-ritorno-con-il-timbro-peking-deutsche-post/

1900 01 11 Peking_ex Astolfi_particolare bollo

Di GABRIELE GUGLIELMI

“Sono collezionista di francobolli da oltre 40 anni e non colleziono francobolli. La mia passione sono le lettere intere con le quali posso mostrare la storia” (Rolf –Dieter Wruck), quale migliore definizione della Storia Postale? Collezioniamo Storia postale con quella speciale caratteristica che sono le storie, in questo caso postali, quindi uniche. I francobolli sono stampati in milioni di esemplari, le storie sono uniche quanto le opere d’arte. Non solo perché è quasi impossibile che due buste abbiano gli stessi: timbri, francobolli, date di partenza transito e destinazione … diventano uniche quando raccontano proprio quella storia. Quasi impossibile anche lo scambio, tipico dei collezionisti (ce l’ho, ce l’ho, mi manca) per completare la collezione, ci si viene incontro focalizzandosi su periodi, luoghi, vie-tragitti, persone … caratteristiche cartacee e di inchiostri … diversi … così che ognuno possa approfondire ciò a cui più tiene. Siamo il contrario di chi ha il bunker con opere d’arte da ammirare tenendole solo per sé. Noi condividiamo in rete immagini, dati e informazioni di tutto questo, a volte minuscolo altre volte importante, patrimonio dell’umanità.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.